Aug
20

Urban exploration in Paris

posted on August 20th 2014 in microadventure with 0 Comments

Screenshot 2014-08-20 06.56.43

We’ve been saying this for a while now: adventure is not only the exploration of unknown territories and exotic, wild landscapes, but it also means rediscovering what you already know, starting from what stands in front of you everyday. Adventure means finding a point of view that surprises you, a perspective that gives us a chance to appreciate what you already have as if it was brand new: the forest by your house, a city street you have never really seen, the river you walk by everyday.

However, adventure can also be the discovery of something you really don’t know. It was this kind of adventure that drove me to Paris a few months ago, in May, together with a few friends of mine. Our mission was a vertical exploration of the city, starting from the bottom and rising to the top (not the usual horizontal exploration promoted by the tourist guides). We started with the intricate net of tunnels, catacombs, metro stations and old, abandoned railway lines and we slowly climbed upwards reaching the roofs of some of the most beautiful buildings in Paris, including churches and palaces.

Screenshot 2014-08-20 06.53.29
This is what you call an urban exploration, an activity that includes different thematic variations (rooftopping, church climbing, infiltration, sewers and drains, crane climbing, abandoned building – all practiced by well known and respected professionals). People have built a real community around this kind of adventures and the best way to become part of it is to contact those who already belong to the urban exploration-family. It was one of them, an Italian, who introduced us to the guide of our microadventure. He is an expert infiltrator and he has a lot of experience with church climbing: let’s call him “John”. John moved to Paris 7 years ago and he lives a wonderfully contradictory life. During the day, maybe because he wants to expiate his nocturnal “sins”, he works at a local church and he helps giving food to the poor people of the city. At night, however, he moves beyond limits, signs, barriers and whatever else he finds on his path. Looking at the huge amount of keys he carries with him, you may think there is no door he can’t open, and maybe that’s true. Whatever he does, however, he never forgets manners and respect. He has a real passion for locks and he loves the complexity of wheel cylinders. There is something going on between him and the locks, a challenge, a weird dance, but he never breaks them: his touch leaves no trace. If a door was locked twice, he opens it and then he locks it twice. Everything goes back the way it was before he touched it. He also loves history (or at least this is what I thought as I was looking at him). In fact, he knows every detail of the buildings he explores and once you get to the roof with him you realize he knows also the history behind places and the surrounding areas.

Our first meeting with John happened in a park: we spent two hours sitting under a tree, planning our microadventure. He promised to introduce us to some of the most wonderful monuments of the city, no ticket required! He doesn’t love drains and catacombs, but he agreed to guide us through the Parisian seven-century-old underground net. That’s where our journey started. Meeting at 6 pm, rubber boots on, one certainty: we’ll get dirty! We spent 12 hours underground, walking and crawling for about 20 kilometers: we went through muddy tunnels, we almost swam in dirty water and we got lost in the catacombs. After resting in the black silence of the underground world, we climbed back up at 6 am, just in time to catch the first street car back to the hotel, where we got ready for the next evening.

Screenshot 2014-08-20 06.54.12
That was just the beginning, but the exploration of the underground tunnels was exhausting. Still, after so many hours spent breathing stale, smelly air, we couldn’t wait to climb buildings and churches. Of course, the perfect time to do this is always after sunset. I was quite shocked when I realized how easy five people can get into rooms where they are not suppose to enter. It was incredibly funny, almost exhilarating. The fact is that, if you are in the right place at the right time, you only need three second to disappear and the city will forget you were even there. We climbed hundreds of steps and when we got to the top breathing heavily our minds were blown away by the view. The evening ended with a trip to the Olympic swimming pool in central Paris, the limits of what we could do slowly seemed to fade away.

Screenshot 2014-08-20 06.55.01
The day after was dedicated to the exploration of the metro stations, some of which were abandoned. Then, the coup de théâtre: John decided to bring us in a very strange place. A narrow, long, circular corridor used to maneuver the trains. That’s where he keeps his mini motorcycle. He invited us to try it! The question is: how did he manage to carry it there? But we didn’t ask questions; in those three days we learned that the idea of “what’s possible” is quite subjective! The only thing left to do was to jump on the motorcycle and drive down this long, strange tunnel, which felt like the accelerator complex at CERN.

It will be difficult to forget those three days we spent in Paris. The doors, the gates, the manholes, it felt like living on a train track: two parallel lines, very close and still far away from each other, and the only way to appreciate the complexity of Paris is to put your feet on both these lines. Some things reside beyond our ability to conceive them but thanks to them we can live the life we know.

Screenshot 2014-08-20 06.55.56
This underground/rooftop microadventure taught me that:

  • Above and below are not only perspectives, they are also places;
  • Never close the door behind you if you can’t see the exit in front of you;
  • The definition of danger has nothing to do with danger per se, it is only a way to keep society in check (the underground rails are not dangerous if you are careful);
  • Humans change the environment around them, but once that happens life changes too and limits get established;
  • Everything has a cost, and you can really understand this cost if you look at its foundations;
  • We are the masks we wear (Oscar Wilde). Underground I met characters I would have never thought I could meet. A doctor who turns into an urban explorer seems a contradiction, but it’s just the intersection of different masks.

Screenshot 2014-08-20 06.56.14
Most people think that interesting things to look at in our cities and town are those safe attraction that require an admission fee. I’ve never believed I could have had such a great fun with my feet covered with 50 cm of mud and other brownish stuff!! This urban adventure has definitely changed my mind in many ways and I can’t wait to go back underground for some further explorations and I am grateful to the friends with whom I shared all this.

One final advice: don’t try this alone. It’s always better to consult an expert. In fact, sudden floods are a real danger when you are underground.

To watch the whole photo album of this micro adventure, please click here.

TESTO IN ITALIANO:

Lo diciamo da tempo: avventura non è solo esplorare ambienti sconosciuti, luoghi esotici, ostili e selvaggi, ma anche riscoprire ciò che conosciamo bene partendo da quello che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni e magari trovare quel punto di vista nuovo che ci sorprenda o che ce lo faccia apprezzare come se fosse la prima volta. Il bosco dietro casa, una via della nostra città mai percorsa prima, un fiume che vediamo tutti i giorni ma decidere di vederlo a bordo di un kayak.

Avventura è anche però esplorare ciò che sappiamo esistere ma che non conosciamo assolutamente. Fu con questo spirito da esploratori che il maggio scorso, mi recai con alcuni amici a Parigi per un’esplorazione verticale, dal basso verso l’alto (contrapposta a quella orizzontale che le guide turistiche offrono). Reti di tunnel e cunicoli, catacombe, bunker sotterranei, stazioni di metro e vecchie linee ferroviarie abbandonate e poi su fino sui tetti e campanili di chiese e palazzi storici. La nostra sarebbe una cosiddetta esplorazione urbana, attività che vanta diverse specialità (rooftopping, church climbing, infiltration, sewers and drains, crane climbing, abandoned building) ognuna con veri e propri esperti e specialisti riconosciuti a livello internazionale. Gli appassionati di urban exploration sono una vera e propria comunità e la maniera più semplice per accedervi è per intercessione di uno “del giro”.

Nel libro “Access All Areas. Una guida all’arte dell’esplorazione urbana “Ninjalicious, l’autore, afferma che” l’esplorazione urbana è un emozionante, hobby in forte espansione che incoraggia i nostri istinti naturali ad esplorare e giocare nel nostro ambiente. L’esplorazione urbana ispira le persone a creare le proprie avventure, come quando erano bambini, invece di comprare le avventure preconfezionate di cui troppi di noi ormai si accontentano. Si alimenta un senso di meraviglia negli spazi che abitiamo tutti i giorni. Invece di consumare passivamente intrattenimento, gli esploratori urbani si sforzano di creare esperienze autentiche, facendo scoperte che permettono loro di partecipare ai meccanismi segreti delle città e delle strutture, e di apprezzare fantastici spazi nascosti che altrimenti sarebbero completamente trascurati.

Abbiamo percorso l’intricata rete di cunicoli, catacombe, stazioni della metropolitana e vecchie linee ferroviarie, alcune anche abbandonate finendo poi per scalare verso l’alto raggiungendo i tetti di alcuni dei più bei palazzi di Parigi per godere della migliore vista della città. La nostra guida per questa microavventura, chiamiamolo “John”, è un esperto esploratore urbano con un molta di esperienza in infiltration. Vive a Parigi da 7 anni ed è una bellissima contradizione. Di giorno, forse a voler espirare le sue “colpe” notturne si occupa (tra le altre cose) di servire i pasti ai bisognosi presso una chiesa del centro, mentre di notte oltrepassa qualsiasi limite, barriera o cartello che incontri sulla sua strada. Guardando il grande mazzo di chiavi che porta sempre con sé verrebbe da dire che ha accesso a tutte le porte della città e forse è proprio così. Tutto ciò che fa però lo fa con garbo ed educazione. Lui ha una sincera passione per i lucchetti, è follemente innamorato della complessità di alcuni cilindretti, è una sfida tra lui e il lucchetto, ma non danneggia, non lascia traccia. Se trova una porta chiusa con due giri di chiave, lui la richiude con due giri di chiave. Tutto torna sempre come prima. E’ anche un appassionato di storia (o almeno questa è la deduzione che ho fatto io) infatti non solo conosce ogni dettaglio per infiltrarsi in questo o quel edificio, ma una volta in cima ne racconta la storia e quella degli edifici vicini.

Incontriamo John per la prima volta in un parco cittadino, ci sediamo all’ombra di un gigantesco albero e lì passiamo le successive due ore parlando di programmi. Promette di portarci a visitare alcuni dei più bei monumenti della città, ovviamente senza pagare il biglietto! Non perde occasione di chiarire la differenza tra rischi inutili e di rischi accettabili. Avremmo accettato solo questi ultimi. Benché non ami particolarmente insudiciarsi nei tunnel, accetta di condurci anche nella fitta rete di cunicoli sotterranei del quattordicesimo arrondissement di Parigi, anzi è proprio da lì che cominceremo. Appuntamento alle 18 con stivali di gomma ai piedi. Unico preavviso: ci sporcheremo un po’! Nelle 12 ore che trascorriamo sottoterra percorriamo circa 20 chilometri in cui strisciamo faccia a terra in passaggi strettissimi, ci infanghiamo, ci inzuppiamo di acqua lurida fino al collo, ci perdiamo nelle catacombe, riposiamo a lume di candela in piccole stanze ricavate nella pietra e infine riemergiamo alle 6 della mattina, giusto in tempo per prendere il primo tram per tornare in albergo a riposare e cambiarci per la sera.

Siamo solo all’inizio, ma l’esplorazione del sottosuolo ha affaticato tutti. Dopo tante ore al chiuso respirando aria stantia non vediamo l’ora di dedicarci alla salita di alcuni edifici e chiese. Ci si muove rigorosamente di notte. In totale siamo cinque e la cosa che più mi sconvolge è la facilità con cui ci infiliamo dentro stanze in cui non ci dovremmo infilare ma è molto, molto divertente. E’ tutta questione di attendere il momento giusto e quando esso arriva bastano tre secondi per scomparire alla vista della città. Saliamo centinaia e centinaia di scalini, quando arriviamo in cima abbiamo sempre il fiatone ma sorridiamo come ebeti alla vista di Parigi dall’alto. E’ uno spettacolo incredibile. Finiamo la serata facendo il bagno in una piscina olimpionica coperta nel centro di Parigi, ormai non ci poniamo più alcun limite.

Il giorno successivo lo dedichiamo interamente all’esplorazione delle stazioni della metro alcune abbandonate altre ancora in funzione, ma non manca il colpo di scena: quasi sul finire della giornata John ci porta a fare un giro in un posto parecchio strano. Un lungo corridoio stretto e circolare che serviva per le manovre dei treni. Lì custodisce la sua minimoto e invita tutti a fare un giro! La domanda che sorge spontanea è: ma come diavolo ha fatto a portarsela dentro? ma non chiediamo spiegazioni, in questi 3 giorni abbiamo imparato che il concetto di possibile è molto soggettivo! Non resta quindi che accenderla e lanciarsi a tutta velocità lungo questo corridoio che sembra l’acceleratore di particelle del CERN.

Sarà difficile dimenticare i 3 giorni passati a Parigi. Entrare e uscire da portoni, tombini, cancelli è stato come vivere su un binario di un treno: due linee parallele vicine e al tempo stesso distanti. Quando hai i piedi su uno vedi cose che quando hai i piedi sull’altro non vedi, ma assieme compongono un quadro completo della società parigina. Ci sono cose che neppure sappiamo che esistano ma proprio grazie a loro possiamo permetterci di vivere la vita che conosciamo.

La microavventura nel sottosuolo e sugli edifici di Parigi mi ha dato modo di capire che:

  • dal basso o dall’alto ora non sono più solo prospettive, ma luoghi veri e propri;
  • mai chiudersi una porta alle spalle se prima non si conoscono le vie di fuga;
  • la definizione di pericolo non ha nulla a che fare con il pericolo in sé, è solo un modo per mantenere la società ordinata (la terza rotaia nelle metropolitane, che tutti temono, non rappresenta un pericolo se ci stai a debita distanza).
  • L’uomo modifica l’ambiente attorno a sé, ma una volta modificato, la sua stessa vita finisce per esserne modificata e limitata.
  • Tutto ha un costo e il costo della nostra società lo si può ben valutare andando ad osservare le sue fondamenta.
  • Se estendiamo continuamente i confini della nostra zona di comfort facendo cose che ci mettono un po’ di nervosismo e un po’ a disagio, gradualmente espandiamo la gamma di attività con le quali ci si sente a proprio agio. All’inizio, strisciando nelle gallerie strette e sporche era un po’ disgustoso. Camminare sui tetti degli edifici, dall’altra parte, era piuttosto spaventoso.
  • Siamo tutte le maschere che portiamo (come diceva Oscar Wilde). Sottoterra ho fatto la conoscenza di personaggi che non avrei mai creduto di incontrare. Un medico che di sera si leva il camice e si diverte a fare esplorazione urbana pare una contraddizione, ma è un’integrazione tra le varie maschere della persona stessa.

La maggior parte della gente pensa che le cose interessanti da guardare nelle nostre città sono quelle attrazioni sicure che richiedono un biglietto di ingresso. Non ho mai creduto che mi sarei potuto divertire così tanto con i piedi coperti di 50 cm di fango e altre cose marroncine!! Questa avventura urbana ha decisamente cambiato le mie credenze in molti modi e non vedo l’ora di tornare sottoterra per alcune ulteriori esplorazioni e sono grato agli amici con i quali ho condiviso tutto questo.

Avvertenza finale: non provate da soli a fare ciò di cui vi ho parlato. Sempre meglio affidarsi ad esperti. Esiste un reale pericolo di inondazioni improvvise.

To watch the whole photo album of this micro adventure, please click here.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someoneShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on Tumblr
alexbellini

We would love to hear your comments